“What a wonderful world”
19 ottobre 2015
“Vecchie” amicizie e nuove collaborazioni
26 ottobre 2015

Per problemi di spazio, e soprattutto con la crescita delle belvette, abbiamo deciso di cambiare i mobili della loro cameretta.

Un letto a castello molto scomodo e che occupava quasi tutta la stanza pur avendo poco contenitore. E un grande armadio a muro che lascerà spazio per il secondo lettino a terra.
È stata dura rimuovere la striscia con Winnie the Pooh che posai con mio marito ormai 8 anni fa, incinta di Alfredo. 

I mobili non sono né brutti ne’ rovinati ma viste le dimensioni della camera, tra mobili e giochi non c’era nemmeno lo spazio per una piccola scrivania, neanche piccolissima. E il mio ometto ormai in terza elementare ha bisogno di uno spazio suo sia per studiare che per rintanarsi con gli amichetti e la stanza era invivibile. A malincuore abbiamo deciso di dar via il mobile col letto a castello e il cassettone, mensoline e settimini acquistati ormai più di 8 anni fa.
Il grande armadio a muro che conteneva soprattutto abiti nostri (di mio marito) andrà a finire in garage per lasciar spazio al secondo letto a terra.

La camera e’ stata smontata questa mattina, ora è così:

Poi (spero già in giornata) verrà il pittore perchè non possiamo lasciare più giallino, nuvolette e Winnie the Pooh, e darà due, tre mani di bianco. La settimana prossima ci porteranno la cameretta nuova. Beh, questi sono i progetti…

Durante questo fine settimana con mio marito abbiamo letteralmente svuotato la camera da abiti, giochi e accessori vari, smontato mensole, tolto foto, tutto!
E’ stato allucinante!
Fino al pomeriggio avevamo tutte le stanze che traboccavano di abiti, biancheria, libri, non pensavo ce l’avremmo fatta!

Per fortuna abbiamo un’altra stanza che sarebbe la mia craft room nonchè stanza degli ospiti e stireria, dove dormiranno i bambini nei prossimi giorni e dove è stato trasferito il trasferibile.

Abbiamo approfittato per fare un decluttering di abiti, maglie e pantaloni che giacevano negli armadi da tempo e devo essere sincera, vedere quelle sacche riempirsi non mi ha fatto nessun effetto, avevo tanto bisogno di respiro e di spazio.

I due letti staranno a terra e verrà creato un sistema a ponte che corre lungo tutta la parete e anche nel l’angolo. 

Sarà sfruttato ogni millimetro da un lato ma dall’altro ci sarà solo una scrivania abbattibile  e in un secondo momento la libreria, questo è il progetto:

E guardate cosa abbiamo trovato dietro la struttura del letto che non riuscivamo assolutamente a spostare! 

Un libro di Richard Scarry che mio figlio adorava (come la mamma) e che si era rassegnato a non leggere più’. 

Ora che è tornato a casa da scuola non riesce più a staccarsi!
Vi terrò aggiornate amiche mie, saranno giorni impegnativi!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *