Premio Liebster award
16 gennaio 2015
Nuove scatole “riciclose”
21 gennaio 2015

Grazie a questo blog sto conoscendo tante persone ma con alcune in particolare scatta qualcosa, una scintilla, un feeling, un qualcosa di profondo, so che può sembrare incredibile ma è così. Tutto parte da un timido commento, un “mi piace”, una breve collaborazione, ma quando ci si trova è fatta!
Si creano legami forti, ci si scambiano consigli, si chiacchiera di hand made, si parla la stessa lingua insomma.
Una di queste è Giorgia di che per un pelo non ho conosciuto personalmente a Mondo Creativo a Bologna, peccato!
Potete quindi immaginare la mia felicità quando ha nominato il mio blog per partecipare a questa iniziativa a dir poco strepitosa!
E allora eccomi qui a partecipare rispondendo ad alcune domande dove parlerò di me e del mio lato creativo
★ A cosa sto lavorando 
Come già accennato in questo post il mio bisogno di circondarmi di colore, dei miei colori, mi porta a dipingere e a sperimentare tecniche e materiali sempre nuovi. Dipingo su carta, su legno, sulle mie scatole riciclose e sul mio Art Journal. Mi è stato chiesto di realizzare dei quadri molto grandi, astratti ma coloratissimi, come questo ad esempio:
 realizzato a scuola di pittura. A casa però non ho lo spazio nè la possibilità di lasciare il cavalletto aperto con le mie due belvette sempre intorno.
Allora mi dedicherò a creare una linea di quadri più piccoli, coloratissimi, con la tecnica del mixed media  (collage, stencil, timbri, pastelli, colori acrilici, penne colorate) dove le mie bamboline dagli occhi grandi potranno mettere allegria e far sognare un pò.

Sto anche “studiando” come migliorare le mie mie pochette e i miei cuscini in stoffa,  magari stampando sulla stoffa stessa le immagini dei miei quadri…
Ed aprire uno shop on line. Forse  dovrei buttarmi ma preferisco studiare ancora un pò.
 Per questo mi sono iscritta al corso di Colibrì Academy per imparare a vendere i miei lavori hand made e capire quale è la piattafirma adatta a me.
★ In che modo il mio lavoro si differenzia da quello degli altri nel suo genere  
Vado a scuola di pittura da parecchi anni ormai e ho visto che anche lì i miei colori prendono il sopravvento, i quadri che facciamo però son più “seriosi” così a casa sperimento altre tecniche e soprattutto libero la fantasia. Seguo con trasporto il lavoro di varie pittrici e cerco di carpire i loro segreti ma poi rielaboro il tutto creando uno stile tutto mio. Gli accostamenti di colore, l’uso degli stencil e gli occhi grandi e sognanti delle mie bamboline sono il punto di forza dei miei quadri. 

★ Perchè faccio quello che faccio

Ora che mi sono “scoperta” creativa non potrei più farne a meno. E’ aria, è vita, è un bisogno che parte dal profondo, un’esigenza. Il mio essere creativa fa parte del mio essere Valeria, i miei quadri e i miei lavori di cucito mi rappresentano completamente.
Dopo aver studiato e lavorato per tanti anni, la scelta di restare a casa per seguire i miei bimbi e la casa è stata molto naturale. Come è stato naturale trovare un mio spazio, un mio modo di esprimere i colori che ho nel cuore e così, dopo anni di tentennamenti, è nato Rosa e Turchese.

★ Come funziona il mio processo creativo 
Spesso è del tutto casuale, deriva dall’estro del momento, da un’immagine che mi ha ispirato, da qualcosa che ho visto. Raccolgo immagini e foto in continuazione inserendole nella mia moodboard e in vari quaderni che consulto regolarmente. Pinterest aiuta moltissimo questo processo.
 Altre volte è più “costruito”, più complesso, come quello con cui realizzo le mie scatole riciclose (prima il collage con carte colorate, poi una prima mano di pittura, poi stencil, altro colore, pastelli, matite, penne e così via!).  Mai uguale però, non esiste una scatola o un quadro uguale all’altro, sarebbe impossibile, i colori, i tratti, le espressioni del volto, sono sempre diversi.

★★★
Con immenso piacere nomino e vi presento 3 blogger, 3 amiche speciali  che stimo tantissimo e che spero gradiscano questa iniziativa:
Maddalena di Donneinpink
Alessandra di A casa di Ale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *